Piazza Umberto I - 64016 - Sant'Egidio alla Vibrata (TE) - Tel. 0861 846511 - Fax 0861 840203
Comune di Sant\'Egidio alla Vibrata

Comune di
Sant'Egidio alla Vibrata

Vicini al cittadino. Sempre.

#

Ultime Notizie


25 Novembre 2016 10:44

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il Sindaco, arch. Rando Angelini, avvisa che per martedì 29 (ventinove) novembre 2016, alle ore 18:00, in sessione straordinaria di prima convocazione e in seduta pubblica, presso il Circolo Ricreativo di Villa Mattoni , è stato convocato...

[Leggi tutto...]


18 Novembre 2016 13:58

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il Sindaco, arch. Rando Angelini, avvisa che per martedì 22 (ventidue) novembre 2016, alle ore 18:00, in sessione straordinaria di prima convocazione e in seduta pubblica, presso la  Palestra Comunale di Villa Marchesa , è stato convocato...

[Leggi tutto...]


03 Novembre 2016 19:00

INFORMAZIONI PER I CITTADINI

  Si informano i cittadini che, a seguito della scossa del 30 ottobre 2016, chi volesse richiedere il sopralluogo della propria abitazione, o attività, o di altri immobili, è tenuto a compilare il modulo IPP per abitazioni private...

[Leggi tutto...]


28 Ottobre 2016 10:02

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il Sindaco, arch. Rando Angelini, avvisa che per giovedì 3 (tre) novembre 2016, alle ore 18:00, in sessione straordinaria di prima convocazione e in seduta pubblica, nella sala della Ludoteca di Faraone in via Canova, è stato convocato il...

[Leggi tutto...]


25 Luglio 2016 09:20

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il Sindaco, arch. Rando Angelini, avvisa che per giovedì 28 (ventotto) luglio 2016, alle ore 17:00, in sessione ordinaria di prima convocazione e in seduta pubblica, è stato convocato il Consiglio Comunale per discutere...

[Leggi tutto...]


Sondaggio



La storia


 Sant'Egidio alla Vibrata fu vico romano con il nome di "ILIUM" che in latino antico denominava "Troia", città dalla quale i romani hanno preteso la discendenza. Sotto Cesare Augusto il territorio fu compreso nella V^ Regione d'Italia " Picenum".

 

Il territorio fu attraversato dalle orde barbariche che determinarono la caduta dell'impero romano d'occidente; solo con l'intervento di Bisanzio si ristabilì l'ordine costituito ed i Bizantini a Sant'Egidio alla Vibrata edificarono.

 

Nel periodo della dominazione longobarda il territorio fu conteso tra i Ducati di Spoleto e quello di Benevento, forse per errata stesura di mappe che spostava il confine tra i fiumi Tronto e Salinello, disputa che si risolse a favore del Ducato di Spoleto.


I Longobardi hanno lasciato nel nostro Comune tracce evidenti della loro presenza, fortificarono e s'insediarono a Faraone nonché nel territorio limitrofo, sulla collina "colle Chiovitto" già "colle Ascensione" furono rinvenute alcune tombe di loro origine.


Qualunque fosse stata la ragione della nascita di Faraone, questa piccola entità, collocatasi in posizione strategica rispetto al territorio circostante, rese indispensabile la realizzazione di un accampamento ossia di un baluardo militare che fosse a difesa delle prerogative del ducato di Spoleto che, per lungo tempo, contese il borgo a quello di Benevento, per ottenere un più agevole controllo strategico della strada della Metella e della consolare Salaria.


L'occupazione longobarda terminò nel 793 per intervento di Pipino il Breve e sotto il dominio dei Franchi, Carlo Magno, nell'istituire il Regno della Chiesa con annessione del Ducato di Spoleto, delimitò i confini estromettendo Sant'Egidio.


Il borgo di Faraone e le sue pertinenze ricaddero sotto l'influenza ed il controllo della Badia di Monte Santo, che ne garantì la tranquilla giurisdizione ecclesiastica. La presenza benedettina permise la bonifica dell'intero territorio e la ricostruzione del borgo adiacente il castello e di nuove chiese.


La chiesa priorale di Sant'Egidio così come le chiese conventuali di Sant'Angelo e San Savino, per effetto di un falso storico, appositamente costruito dal vescovo di Ascoli che ne rivendicava il possesso, fu aggregato alla diocesi ascolana; il documento falso fu attribuito ad un editto di Carlo Magno.


Intorno all'anno 1300 parte della Chiesa e del convento fu distrutta per opera degli Ascolani che, in lotta con i Teramani rivendicavano il possesso dell'alta Val Vibrata; la stessa chiesa subì ulteriori danni i a causa di terremoti e fu definitivamente ristrutturata con la costruzione di una nuova e diversa facciata, dopo essere stata in parte accorciata e nel suo portale oggi è ben visibile lo stemma di San Bernardino da Siena a dimostrazione che il santo lì ha predicato.


Papa Sisto V, per effetto di "motu proprio" istituì la diocesi di Montalto e l'abbazia di Monte Santo con le chiese di Faraone e Sant'Egidiofu assegnata alla novella diocesi e così fino ad oggi.


Faraone fu antico feudo di Berardo di Castiglione che nel 1188 lo cedette alla Badia di San Nicolò a Tordino, detta di Sant'Atto. Nel XIII secolo la corte imperiale ordinò a Oltremare Melatino da Teramo di restituire le porzioni del castello di Faraonis che aveva usurpato ai beni regi.


Alfonso V d'Aragona, con editto del 12 aprile 1454 concedeva l'assenso alla vendita del feudo di Faraone alla famiglia Mingo di Civitella, in seguito Faraone venne acquistata dalla famiglia Melatina che vendette il feudo a Carlo Ottone di Matelica. Eretto in marchesato da Filippo IV, re di Spagna e di Napoli, passò ai signori Caucci di Ascoli Piceno che, per breve tempo, ne ressero le sorti cedendolo successivamente al letterato Alessio Tulli, con titolo di baraone.


Sant'Egidio ebbe il privilegio di essere considerata, insieme con Civitella del Tronto, città reale e quindi, per tale motivo, esonerata dai tributi feudali fino al 1642.


Da tale data fu infeudata da Pompeo Procaccino da Civitella del Tronto, e successivamente il 23 settembre 1679 fu venduta, per ducati 780, ad Orazio Buongiovanni da Roma e successivamente, il 3 gennaio 1695, a Lucrezia De Mendoza y Alarcon, Marchesa di Monacilioni.


Nel XVIII secolo passò, in parte, al barone Guidobaldi di Nereto.


Con l'entrata in vigore del codice napoleonico, su editto di Gioacchino Murat (1809), fu soppresso il feudalesimo ed istituite le piccole Università e Faraone e Sant'Egidio furono inglobate al circondario di Civitella del Tronto.


Con i Borboni, a Sant'Egidio, era in servizio la dogana che contribuì a far crescere il contrabbando ed il brigantaggio e nel territori vi si addensavano le truppe borboniche a difesa dei confini durante i moti del 1821 e 1831 e poi delle guerre di Indipendenza.


Con l'Unità d'Italia, il Comune di Faraone fu aggregato a quello di Sant'Egidio che assunse il nome di Sant'Egidio alla Vibrata con un decreto reale del 23 giugno 1863.

 

C'è da vedere

La Porta di Faraone
Posta nell'omonima frazione è la porta di accesso all'antico borgo fortificato risalente all'alto medioevo.

 

Il borgo medievale
Il borgo è attualmente disabitato e in stato di abbandono a causa dell'ultimo terremoto che lo ha gravemente lesionato. Di notevole richiamo, oltre alla porta Faraone, le mure difensive perimetrali.

 

La chiesa di Sant'Egidio Abate

La costruzione del XII secolo (I metà del 1100) in stile romanico a tre navate con abside rotonda, nata come priorato monastico dell'abbazia benedettina di Monte Santo, molto probabilmente è stata costruita su una primitiva chiesa dell'VIII sec. (pluteo ornato bizantino). Le monofore con archivolto in pietra in un solo blocco e strombatura interna costituiscono precisi connotati dell'architettura abruzzese.
La chiesa è stata decurtata in lunghezza nel suo prospetto principale così come è stata effettuata una completa rimodellazione della spazialità interna per gli eventi bellici del 1304, il rifacimento tendente al gotico che nell'epoca andava affermandosi anche in Abruzzo comportò aperture di alte monofore sulla parete destra. Le capriate linee sono del XV sec. così come la facciata rifatta nel 1524 con mostra del portale rinascimentale recante il sole radiante bernardiniano; l'innalzamento del campanile fu promosso nel 1555 dal Vescovo di Ascoli.

 

Dipendenza:
Nel 1150 a Norimberga Corrado III imperatore conferma i possedimenti del Vescovo di Ascoli sulla chiesa di Isgiam; nel 1193 a Kaiserslautern Enrico VI imperatore dona al Vescovo di Ascoli Ripam Quartelare e la locale chiesa di S. Egidii.
Nel 1271 la Regia corte riconosce il possesso di beni al Monastero dell'ordine di S. Agostino S. Egidii de Vibrata;
Nel 1289 Niccoloò IV Papa concesse al Monastero di S. Egidii la franchigia delle decime per il Regno di Sicilia;
Nel 1588, il 15 maggio, per effetto del "motu proprio" di Sisto V, l'abbazia di Monte Santo e le sue pertinenze con la Chiesa di S. Egidio, furono aggregate alla diocesi di Montalto istituita nel 1586.

 

Curiosità:
Nel 1611/14 risulta che in S. Egidio esistevano contemporaneamente una chiesa parrocchiale e una abbazia.


Le denominazioni del Paese nel corso dei secoli

 

ILIUM, antico sito sulle alture a Nord del Vibrata.
RIPA QUADRELLARA, antico sito sull'attuale Passa del Mulino.
FARAONE o FARAGONE, attuale Faraone antico.
SAN CILIO.
SAN GILIO o GIGLIO.
SANT'EGIDIO o SANTO EGIDIO e/o SANTEGIDIO.
SANT'EGIDIO ALLA VIBRATA.

 

© 2017 Comune di Sant'Egidio alla Vibrata | Tutti i diritti Riservati | P.IVA 00196900674
Informazioni & Copyright | Privacy | Powered by PlaySoft
Powered by PHP Wai A
Html 4.01 Powered by MySql
Apache CSS